Tavullia, il prete toglie l’abito talare lascia parrocchia e torna dai genitori

TAVULLIA (Pesaro)  – Anche un prete può prendersi una pausa di riflessione e poi decidere di togliersi l’abito talare. Segno di grande onestà spirituale, verso se stesso, verso la sua comunità e verso Dio. Questa è la storia dell’ormai ex don Fabio, ragazzo 34 anni che ha deciso lasciare la parrocchia che lo aveva accolto e di far ritorno a casa, dai genitori, in Emilia Romagna.
Una scelta maturata dopo una profonda riflessione, portata avanti anche con l’aiuto di un padre spirituale. Una situazione personale e che, come tale, va rispettata anche per la correttezza e sincerità dimostrata.

corriereadriatico.it

Precedente Prete a Reggio Emilia lascia l’abito talare per sposarsi Successivo Prete non arriva, “salta” la messa per evitare crisi si offrono i preti sposati

Lascia un commento