Molestò bimba di 8 anni in parrocchia Perizia psichiatrica sul violentatore

Sarà una perizia psichiatrica a sciogliere il nodo di un’indagine per violenza sessuale su una bimba di otto anni, un episodio accaduto nel giugno dello scorso anno nell’oratorio di una chiesa di una frazione rodigina.

All’udienza preliminare il giudice Alessandra Martinelli ha disposto che l’imputato, un 55enne rodigino afflitto da invalidità al 75 per cento, sia sottoposto a perizia per capire la capacità di intendere e volere. L’uomo è accusato, nella sua qualità di tuttofare della parrocchia, di aver toccato nelle parti intime la bambina nel corso della festa di compleanno di quest’ultima tenutasi un anno fa nella parrocchia.

Alla scena avrebbe – in parte – assistito anche il fratellino della bambina, che è subito corso via dalla mamma che in quel momento era al piano di sotto. Salita al piano superiore la donna ha trovato la figlia in lacrime. In quel momento, poi, la rodigina sarebbe stata minacciata dall’imputato tanto da essere costretta a chiudersi in bagno coi due bambini e a chiamare il 113. Nella vicenda pesano molto da un lato le dichiarazioni della bambina sulla presunta violenza sessuale, date nell’immediato alla madre e poi ribadite nella fase d’indagini, e dall’altro la difesa strenua dell’imputato da parte del parroco e le condizioni di invalido del 55enne accusato del reato.

corriere.it

Lascia un commento