Yemen: ogni giorno 3-5.000 casi colera Unicef, ‘a rischio i Paesi confinanti. La tragedia dei bambini’

Continua a diffondersi, e il contagio è sempre più veloce, l’epidemia di colera nello Yemen devastato dalla guerra. L’ennesimo grido d’allarme arriva oggi dall’Unicef che fornisce dati terribili: ogni giorno si segnalano da 3.000 a 5.000 nuovi casi, il numero dei malati raddoppia praticamente ogni due settimane e se il mese scorso i contagiati sono stati complessivamente 70.000, ora sono già 130.000. In assenza di aiuti internazionali, diventeranno presto 300.000, secondo quanto ha denunciato il responsabile dell’agenzia Onu per il Medio Oriente, Geert Cappelaere.
Il responsabile ha anche avvertito che l’epidemia potrebbe “diffondersi al di fuori dei confini dello Yemen” perchè “nessuna frontiera può fermare il colera”. Solo nello Yemen, ha aggiunto, i morti sono stati più di 10.000 e tre milioni gli sfollati in cerca dei pochi presidi ospedalieri. Tra loro molti non ce la fanno e i bambini sono vittime predestinate. “Lo Yemen ormai è uno dei luoghi peggiori dove essere bambini”, ha chiuso Cappelaere.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Lascia un commento