Vescovo abolisce madrine e padrini per battesimi e cresime

Le figure della madrina e del padrino di battesimo e di cresima potrebbero non accompagnare più il percorso religioso del bambino e dell’adulto. Almeno è quello che è stato deciso in via sperimentale dalla diocesi di Melfi-Fapolla-Venosa.

Il vescovo della diocesi di Melfi-Rapolla-Venosa, in provincia di Potenza,monsignor Gianfranco Todisco, ha deciso di abolirle temporaneamente. “Pur essendo brave persone – spiega – non hanno però piena consapevolezza del ruolo da svolgere come testimoni della fede perché scelti con criteri parentali, amicali o sociali”.

Padrini e madrine saranno sostituiti nel loro ruolo “dall’intera comunità ecclesiale di cui fanno parte i genitori, i quali con la stessa comunità si fanno carico di accompagnare il cammino di fede del battezzato o del cresimato”.

Il Messaggero

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *