Alessandra Ferraro presenta a Courmayeur il suo libro su Papa Francesco

Courmayeur – Domani, venerdì 1° agosto al Jardin de l’Ange a Courmayeur alle ore 21.15 si presenta il libro “Non guardate la vita dal balcone, Francesco, testimone di speranza”. La serata alla presenza dell’autrice è moderata dalla giornalista Sandra Bovo.

“Non guardate la vita dal balcone, Francesco, testimone di speranza” è il nuovo libro di Alessandra Ferraro, giornalista della Rai da sempre attenta al Vaticano e al mondo della chiesa.

Edito dalla Editrice Elledici, presentato in anteprima al salone internazionale di Torino lo scorso mese di maggio, il libro sarà al centro di una incontro domani, venerdì 1° agosto al Jardin de l’Ange a Courmayeur alle ore 21.15. Alla serata, moderata dalla giornalista Sandra Bovo, parteciperanno l’autrice e il parroco di Courmayeur, Don Mario Tringali.

“C’è una rivoluzione silenziosa, che come un’onda sta investendo tutta la società, non solo quella cattolica, ma anche i laici, sempre più affascinati dalla figura di un uomo, un prete che ha portato la parola di Dio nelle villa miserias argentine e che, divenuto Papa, continua la sua opera apostolica con la testimonianza della sua persona con semplicità, schiettezza, gentilezza e anche allegria”. Così Alessandra Ferraro sintetizza il contenuto della sua opera.

Il volume ripercorre la strada compiuta da Papa Francesco in questo primo anno, o poco più, di pontificato. Alessandra Ferraro ha rivissuto, nella pagina e nelle parole stesse con cui ha presentato il suo lavoro, le emozioni, gli interrogativi, la commozione che hanno connotato in particolare quel mese di marzo 2013, segnato dalla rinuncia di Benedetto XVI e dall’assoluta incertezza sul nome che sarebbe emerso dal Conclave.

Alessandra Ferraro ha voluto non solo raccontare curiosità, aneddoti, linguaggi che rivelano lo spirito di Papa Francesco, ma raccogliere preziose significative testimo-nianze di figure prestigiose: Bruno Vespa, Pascual Chavez, Enzo Romeo del Tg2, Antonio Staglianò vescovo di Noto e Dario Viganò direttore del Centro Televisivo Vaticano. Riflessioni che accompagnano il lettore a scoprire sfumature inedite di un Papa che tutti sentono molto vicino.
di Nathalie Grange

aostasera.it

Precedente Cina: 'curano' i gay con elettroshock e cavi elettrici, a processo Successivo Pedofilia online, decine di indagati