Crea sito

Donna accusa un prete: «Mi violentava», aperta inchiesta

di Tiziano Soresina

Ha cercato il conforto religioso in un momento non facile della sua vita, partendo dal desiderio di confessarsi.

E’ l’inizio di una storia d’umana sofferenza che però è finita sotto la lente d’ingrandimento della procura, perché quel rapporto fra una bella donna – ora 48enne – e il sacerdote sarebbe pian piano diventato qualcosa di molto diverso da una difficoltà interiore lenita grazie alla fede cristiana.

Avances, sfociate in atti sessuali negli ambienti clericali frequentati dal prete di una parrocchia della città.

Lo dice la donna che si è decisa a mettere nero su bianco in una denuncia quanto le sarebbe accaduto dal momento in cui è entrata in contatto con quel sacerdote.

E la denuncia – da quanto “trapela” – prevede accuse gravissime, soprattutto se “ritagliate” addosso a un prete: violenza sessuale, circonvenzione d’incapace e riduzione in schiavitù.

I reati denunciati fanno pensare a rapporti sessuali maturati in un clima di forte dominio psicologico, nei confronti di una persona oltretutto vulnerabile. Fragilità che la donna avrebbe descritto prima nella denuncia e poi davanti agli investigatori che l’hanno sentita di recente (nella testimonianza avrebbe confermato le accuse).

Perché gli inquirenti ci vanno con i piedi di piombo davanti ad una vicenda simile, comunque la procura ha deciso d’aprire un’inchiesta e sta facendo i suoi passi per capire se le parole della 48enne hanno un fondamento.

Siamo, quindi, in una fase molto delicata delle indagini che, comunque, sono partite.

Tante le cose da chiarire, a partire dal contesto in cui sarebbero maturati gli incontri fra la donna – descritta come dalla profonda fede e praticante – e il sacerdote più vecchio di lei.

La donna si era rivolta a quel sacerdote perché sua parrocchiana o perché conosceva il prete per altri motivi? E ancora, la confessione come via scelta per “liberarsi” da cosa? E come sarebbe riuscito il parroco ad imporsi su di lei a tal punto da far pensare addirittura alla sottomissione totale ad un potere altrui?

Gazzetta di Reggio

Pubblicato da

Movimento Internazionale Sacerdoti Sposati Per informazioni scrivi a ufficio.press@yahoo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *