Foto a luci rosse in una parrocchia da utilizzare per vantarsi su internet della bravata. È l’atto incosciente di sei ragazzini “beccati” dal parroco della chiesa di Malnate, a due passi dal confine.

A denunciare l’accaduto – come riporta la Provincia di Varese – è don Francesco Corti, che arriva a lanciare l’allarme sul bollettino parrocchiale di agosto.

Le scene incriminate hanno infatti viaggiato sul web e sono state prontamente segnalate anche al parroco, che è andato su tutte le furie: “Devo ricordare – ha scritto il sacerdote sul notiziario – due episodi incresciosi avvenuti in chiesa che sono stati coperti da riserbo pietoso, forse per troppa bontà. Ma il silenzio ci renderebbe in qualche modo complici delle bravate. È poi giusto dire che grazie a chi ha visto, a due volontari testimoni oculari, che hanno avvisato in parrocchia e denunciato apertamente i fatti”.

Si tratta di sei ragazzini, quattro ragazze e due ragazzi: “La chiesa – insiste don Francesco – non è il luogo a luci rosse, infernale, in cui esibirsi per vanteria e poi mostrarsi su internet. E neppure è il luogo della iniziazione al diabolico per essere accolti come “soci” in circoli particolari e pericolosi di cui è meglio, per la propri incolumità e salvezza, stare molto lontani”.
“Solo delle menti piene di vuoto e di delirio diabolico – conclude il parroco – possono dire con freddezza e indifferenza “Che abbiamo fatto di male?”. E ciò dopo aver dileggiato il Santissimo, i Santi e le suppellettili sacre alla fede dei cristiani”

tio.ch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.