Violenza sessuale a Como. Il pm dice no ai domiciliari per don Marco Mangiacasale

COMO – Il sostituto procuratore di Como Simona De Salvo ha dato parere negativo alla concessione degli arresti domiciliari per don Marco Mangiacasale, il sacerdote comasco di 48 anni arrestato per violenza sessuale ai danni di una minorenne ex parrocchiana.

La richiesta era stata formulata al termine dell’ interrogatorio di garanzia dai legali, che avevano individuato una comunita’ religiosa per i domiciliari, essendo improponibile il ritorno nel suo appartamento nella parrocchia di San Giuliano dove secondo le accuse sarebbero state consumate le violenze.

Il pm ha motivato il diniego con il rischio di inquinamento delle prove. Spettera’ comunque al gip decidere sulla richiesta di attenuazione della misura cautelare.

blizquotidiano

Precedente Il celibato? Dovrebbe essere una scelta facoltativa perché l'essere padre "non rende il prete meno prete ma di più“ Successivo Rinnovamento chiesa: auspicato un nuovo Francesco

Lascia un commento