Blog che si autodefiniscono cattolici scrivono alla redazione dei sacerdoti sposati

Ecco il testo della mail inviata alla redazione in forma anonima e provocatoria:

I sacerdoti NON si devono sposare… partiamo da questo presupposto… che
razza di chiesa sarebbe, mica siamo anglicani…

CRISTIANO = CATTOLICO = ROMANO.

Precedente La presenza di don Sante Successivo Chiesa: sospeso "a divinis" don Sguotti

3 commenti su “Blog che si autodefiniscono cattolici scrivono alla redazione dei sacerdoti sposati

  1. anonimo il said:

    Più volte discutiamo con mia moglie e con altri amici e parenti asserento che il prete deve avere la libertà di scelta ,perchè ritengo che: chi più di un prete che ha famiglia ,dei figli ,può insegnare ai nostri figli la verità e tutti i pericoli ,le difficoltà di affrontare la vita ho 68 anni e sono convinto di quello che dico.M.N.

  2. giuser il said:

    Matrimonio per i preti cattolici

    Si discute molto dentro e fuori la Chiesa cattolica circa l’abolizione della norma che impone il celibato ai preti. Cerchiamo nel dibattito dei punti fermi. Il primo argomento da cui partire è che il celibato non è un dogma, cioè “verità rivelata”, ma solo una legge della Chiesa che può cambiare nel tempo in ragione di mutate condizioni economiche o sociali o di diverse considerazioni teologiche. Si tratta del resto di una norma raccomandata ai sacerdoti nel Concilio di Granada-Elvira dell’anno 306 ma per molti secoli poco seguita in pratica tanto che nel VI sec. fu eletto un Papa, Silverio che era figlio di Papa Ormisda.

    Nell’anno 1139 il Concilio Lateranense II impose definitivamente il celibato per due ragioni: l’influenza degli ordini religiosi dediti all’ascetismo e ad una nuova evangelizzazione e ragioni economiche tipiche della società feudale in quanto le proprietà parrocchiali erano legate alla persona del sacerdote e rischiavano di disperdersi tra i vari discendenti. Peraltro anche in epoca successiva la norma ha continuato ad avere varie eccezioni: va ricordato che attualmente coloro che entrano nell’ordine diaconale possono essere già coniugati. I diaconi possono battezzare, celebrare il matrimonio e dare l’eucarestia. Pochi sanno poi che i sacerdoti cattolici di rito bizantino possono essere coniugati quando vengono ordinati. Vi è una ulteriore deroga che consente ai sacerdoti sposati, appartenenti alla religione anglicana e alla religione episcopale e che si convertono al cattolicesimo, di rimanere nel sacerdozio conservando la famiglia.

    Non vi è dubbio che nel mondo occidentale vi sia una grossa crisi delle vocazioni. A Roma centro della cristianità ve ne è la prova visibile nelle parrocchie, alla cui cura partecipano sacerdoti occidentali in numero sempre minore e di età media sempre più avanzata e sacerdoti africani e orientali in numero sempre maggiore. In relazione a tali necessità pastorali la Chiesa non può più permettersi di ridurre allo stato laicale i sacerdoti che hanno sentito l’esigenza di sposarsi ma che sono disposti a continuare nella loro attività. Si tratta di decine di migliaia di ex sacerdoti che la Chiesa potrebbe utilizzare almeno come diaconi. La regola del celibato rimarrebbe ferma e vi sarebbe solo un’ulteriore deroga; nel contempo la Chiesa darebbe prova di maggiore tolleranza e comprensione della realtà umana.

    Pubblicato originariamente sul quotidiano EPolis

    fonte:

  3. giuser il said:

    Lei che scrive (blogcattolici@email.it) è profondamente ignorante della legislazione cattolica in vigore nella chiesa occidentale romana e nella chiesa orientale.

    I sacerdoti sposati cattolici esistono e sono una realtà anche nel ministero pastorale

    Il vostro blog non è autenticamente cattolico e nega i veri principi teologici cattolici.

    Nel nostro sito ospitiamo solo lettere firmate…, tuttavia abbiamo inserito il testo della vostra mail per portarlo a conoscenza dei numerosi, graditi e affezionati visitatori del nostro blog.

    Per la redazione

    Don Giuseppe Serrone

    http://nuovisacerdoti.altervista.org

    redazionesacerdotisposati@simail.it

I commenti sono chiusi.